UNIVERSITÀ. MALAN (FI): A TORINO SI INDOTTRINA CON STORIA OMOSESSUALITÀ

“A Torino, l’Università ha pensato bene di spendere soldi pubblici per istituire una cattedra in ‘Storia dell’omosessualità’, che altri non è che l’ennesimo tentativo culturale di educare i nostri ragazzi secondo una direzione ben precisa, escludendo chiunque abbia idee e opinioni diverse. Il corso, infatti, ben lungi dall’avere una posizione neutra come si ci aspetterebbe…

Dettagli

UNAR. MALAN (FI): RIVEDERE INTERA ATTIVITÀ

“È l’intera attività dell’UNAR che va rivista. Questo ufficio ha agito ben al di fuori dell’ambito che la legge gli assegna. Questo è inaccettabile, tanto più quando si tratta di assegnare denaro pubblico ed entrare nelle scuole a informare i bambini”.

UNAR. MALAN (FI): DIMISSIONI DOVEROSE, ORA PULIZIA SUL RESTO

“Le dimissioni del direttore dell’UNAR sono apprezzabili, proprio perché doverose. Ma, da anni, l’UNAR sta agendo fuori dalla legge, occupandosi in prevalenza di questioni LGBT – e, come si è visto dal servizio di Le Iene, anche in modo assai discutibile – benché la legge 215/2003 assegni a esso compiti solo sulla discriminazione razziale o…

Dettagli

UNAR. MALAN (FI): COSTOSA VERGOGNA DA ABOLIRE

“Non c’era bisogno del servizio di Le Iene per sapere che, da tempo, l’UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) agisce al di fuori della legge, occupandosi soprattutto di questioni LGBT quando la legge che lo istituisce parla solo di rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o l’origine etnica. L’orientamento sessuale non è una razza o una…

Dettagli

SCUOLA. MALAN (FI): SPETTACOLO GENDER È ATTACCO ALLE FAMIGLIE

“La diffusione nelle scuole dello spettacolo Fa’afafine è una evidente smentita delle assicurazioni date dall’ex ministro Stefania Giannini che non ci sarebbe stata la diffusione delle teorie gender nelle scuole, anche perché – seguendo la parola d’ordine del pensiero omosessualista – affermava che la teoria gender non esiste. Ora, in decine di scuole in varie…

Dettagli

PEDOFILIA. MALAN (FI): GOVERNO CONTROLLI SUOI CONSULENTI. CIRCOLO INTITOLATO A CHI L’APPROVAVA

“Oggi tante belle parole contro la pedofilia e tanti buoni propositi da tutti. Ma, intanto, l’UNAR – che dipende direttamente dalla Presidenza del Consiglio – si avvale della consulenza di varie ‘associazioni LGBT in merito alla formazione e sensibilizzazione di docenti, degli studenti e delle famiglie’, una delle quali è intitolata all’intellettuale Mario Mieli. L’opera…

Dettagli

UNAR. MALAN (FI): GOVERNO COPRE CHI INNEGGIA A PEDOFILIA

“Vergogna, vergogna, vergogna!”, scandita più volte è stata la reazione dei senatori Carlo Giovanardi (AP) e Lucio Malan in replica alla riposta fornita in Aula al Senato dal sottosegretario all’interno Gianpiero Bocci (PD) sulla collaborazione in essere tra il Circolo “Mario Mieli” di Roma e la Presidenza del Consiglio, tramite l’UNAR, per l’elaborazione delle politiche…

Dettagli

GOVERNO. INTERPELLANZA AP-FI: A CHI SI AFFIDANO UNAR E MIUR SU LGBT?

“Può un Circolo intitolato a un intellettuale radicalmente contrario alla famiglia, che inneggiava apertamente e ripetutamente alla pedofilia e alla pederastia, diventare ente di formazione presso il Ministero dell’Istruzione? Quale contributo può dare a docenti, studenti e famiglie? Quale influenza ha avuto su importanti documenti governativi destinati anche alle scuole?”: è ciò che chiedono i…

Dettagli

RIFORMA SCUOLA. MALAN (FI): ALLA CAMERA INTRODOTTO IL “COMMA GENDER”

“Nel mio intervento in Aula sulla riforma della Scuola ho sottolineato il grave pericolo, contenuto nel comma gender introdotto alla Camera, che prevede l’introduzione obbligatoria – in tutti gli Istituti – dell’educazione contro la “violenza di genere e tutte le discriminazioni”: espressioni ambigue di cui occorre capire il senso. Confrontando queste parole con la Strategia…

Dettagli

GOVERNO. MALAN (FI): OMERTÀ IN AULA SU PROPAGANDA GAY A SCUOLA

“Il Governo Renzi porta una grande innovazione nell’aula del Senato: una risposta omertosa a interpellanze presentate da tempo. L’argomento era la propaganda gay, la diffusione dell’ideologia gender e la discriminazione nei confronti di chi la pensa diversamente nelle scuole, negli uffici pubblici, con delirante proposito di imporre tutto ciò persino alle ‘autorità ecclesiastiche’. Si trattava,…

Dettagli