La Fede Quotidiana: “Lucio Malan (Forza Italia): Con il ddl Cirinnà, Matteo Renzi ha voltato le spalle agli Italiani”

“Legge Cirinnà? Renzi ha obbedito a Obama e ha voltato le spalle agli interessi degli Italiani”. Lo dice il parlamentare di Forza Italia, Lucio Malan, fiero oppositore della legge. Lo abbiamo intervistato.

Onorevole Malan, Lei è durissimo contro la Cirinnà: perchè?

“Perchè di questa legge davvero non si avvertiva la necessità; e poi, perchè gli italiani, nella loro reale maggioranza, non la sentono loro. Inoltre, perviene a delle conseguenze a dir poco assurde”.

Quali?

“Parifica, in modo devastante, le unioni civili tra persone dello stesso sesso alla famiglia naturale, che è quella fondata sul matrimonio tra uomo e donna aperti alla vita. Due omosessuali o due lesbiche, per natura, non possono generare. E, allora, che razza di famiglia è mai questa?”

Però bisogna dire che, rispetto al testo originario, le adozioni sono state tolte…

“Non ci creda: è una bufala. Siccome la legge equipara di fatto le unioni civili al matrimonio – anzi, sono la stessa minestra – è del tutto evidente e persino scontato che alle adozioni arriveremo per sentenza. Anzi: ci stanno già provando”.

Renzi è stato contestato, dopo l’approvazione in Senato, sia dai movimenti per i diritti degli omosessuali sia dai cattolici. Ha, forse, fatto male i suoi conti?

“Questo è un mistero. La scelta sulla Cirinnà, contrariamente a quanto si pensi, non porta voti e consensi; e, anzi, effettivamente Renzi si è giocato favori sia nel mondo gay sia in quello cattolico. Poiché ha fiuto ed è intelligente, stento a credere che abbia errato i conti tanto grossolanamente. Io penso che abbia subito pressioni forti, e persino ricatti, ai quali ha ceduto. Ritengo che abbia obbedito a Obama più che agli interessi reali degli Italiani”.

Perchè parla di interessi?

“Perchè vi erano e ci sono priorità ben più serie – e penso al lavoro. A ben considerare, la legge Cirinnà è gradita e obbedisce alle lobby e ai circoli intellettuali alla moda, quelli snob; la mia mente va a certi giornalisti, ai salotti buoni delle tv con la puzza sotto al naso. Ma, se andiamo a tastare il polso del Paese, la realtà è diversa. La Nazione non sente sua questa legge. In pratica, esiste un forte e chiaro distacco tra quello che si dice in tv e sui giornali e la mentalità degli Italiani”.

Che farete se la proposta Cirinnà passerà definitivamente alla Camera?

“Probabilmente un referendum. Ci affidiamo, inoltre, al Presidente Mattarella – che è stato giudice costituzionale e di diritto ne capisce – affinché la rimandi alle Camere”.

È stato fondato un Partito della Famiglia: condivide?

“Capisco e apprezzo le buone ragioni, ma penso che la cosa sia stata un tantino affrettata e dettata da impulsività. È una scelta con rischi divisivi e, oggi, su questi temi abbiamo bisogno di unità; inoltre, se dovesse andare male – cosa che non mi auguro – sarebbe motivo di gaudio e strumentalizzazione in senso contrario”.

Pensa che la Chiesa italiana si sia mossa bene?

“Io sono valdese. Comunque, gira e rigira, credo che il Catechismo della Chiesa cattolica sia rimasto uguale. Va studiato meglio. Forse la Chiesa italiana poteva fare di più”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email