CAMERA. MALAN (FI): CASO STUDENTESSA NON DIVENTI SPOT IUS SOLI

“La vicenda di Ihlam Mounssif, la studentessa marocchina a cui è stato vietato l’ingresso a Montecitorio, non può diventare uno spot per la legge sullo ius soli. Prima di parlare di ‘grave torto’, il Presidente della Camera Boldrini farebbe bene a studiare le normative interne dell’Aula, che non consentono l’accesso ai cittadini extracomunitari. Quel Regolamento si può benissimo cambiare, ma lasciamo fuori da questo episodio il diritto di cittadinanza, che la Sinistra vorrebbe riformare con una legge sbagliata. Oltre a provocare pesanti ricadute sul sistema sanitario e sulla previdenza, lo ius soli avrebbe il disastroso effetto di incentivare il flusso dei migranti irregolari verso le nostre coste, peraltro già altissimo e destinato a infrangere ogni record da qui alla fine dell’anno. L’Italia non può accogliere tutti”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email