COLPO DI MANO SULLE AUTOSTRADE A SPESE DEGLI ITALIANI, PARLI DRAGHI

COMUNICATO STAMPA

 

Il senatore Lucio Malan, senatore di Forza Italia, ha dichiarato:

“Siamo ormai a un passo dalla conclusione di uno dei più grossi affari finanziari del secolo con la cessione della quota Atlantia al consorzio guidato da CDP. Un affare dove straguadagnano ancora una volta Atlantia dei Benetton, straguadagnano ‘investitori’ privati stranieri, il tutto a spese degli utenti delle autostrade, dei consumatori e della competitività dell’Italia. Dai presunti ‘investitori’ stranieri non arriveranno risorse in più, ma solo prestiti a caro prezzo, i cui interessi saranno ripagati dai cittadini italiani. Potranno infatti spartirsi utili pari a 1 miliardo all’anno, portando il rendimento dell’equity al pauroso tasso annuo del 40%.

Gli utenti dei quasi tremila chilometri di autostrade pagheranno da oggi alla scadenza del 2038 oltre 60 miliardi di pedaggi, di cui 8,9 miliardi a causa degli aumenti rispetto alle già esose tariffe di oggi. Di questi 8,9 miliardi solo 4,2 spetterebbero secondo i calcoli dell’Autorità dei trasporti, gli altri 4,7 sono un regalo, che contribuisce ad accrescere il valore della quota che i Benetton si accingerebbero a cedere. Dopo il tragico crollo del Ponte Morandi (anche oggi Egle Possetti, presidente del Comitato dei familiari delle vittime, definisce l’accordo “uno schiaffo ai nostri morti), si parlò, soprattutto da parte del M5S, di punizioni esemplari per i Benetton, a suon di revoche, caducazioni e simili. Passando dalle parole ai fatti, nessuna punizione ma un regalo di 7,3 miliardi, la differenza di quanto lo Stato potrebbe pagare se si avvalesse del diritto di recesso previsto dalla Convenzione con Aspi (13 miliardi) e quanto la cordata CDP si accinge a pagare (21,3 miliardi), a spese degli italiani.

Di fronte alla mancanza di alcun cenno di risposta alle interrogazioni in merito presentate da me e altri parlamentari, mi aspetto si esprima il presidente del consiglio Mario Draghi.”

Roma, 12 giugno 2021

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email