Libertà religiosa: emendamento del senatore Malan al decreto sicurezza

Articolo di Con voi magazine

Il Senatore Lucio Malan, vicepresidente vicario dei senatori di Forza Italia, da sempre impegnato nella difesa della libertà di culto in Italia, ha presentato un emendamento al decreto sicurezza in materia di libertà religiosa e regolamentazione dei culti religiosi.

Sono infatti ormai tristemente noti alcuni provvedimenti che hanno colpito anche le
Comunità evangeliche per le assurde limitazioni numeriche e restrizioni nei confronti dei ministri di culto che, se non ben misurate ed applicate, tendono a colpire non tanto gli estremismi ma la libertà di piccole ed antiche comunità religiose italiane, come quelle evangeliche.

Ecco il testo presentato dal senatore Malan:

“Le domande di approvazione delle nomine dei ministri di culto sono accolte se sono soddisfatte le seguenti condizioni:

a) per l’aspirante ministro di culto: cittadinanza e residenza italiana, assenza di qualsiasi collegamento con organizzazioni terroristiche o criminalità organizzata, mancanza di elementi concreti e di precedenti penali che indichino la possibilità di abuso della funzione di ministro di culto, non partecipazione a episodi di incitamento all’odio, sussistenza di almeno trenta persone di cui si dovrà occupare come ministro;

b) per il culto: assenza di precedenti di incitamento all’odio, di collegamenti con organizzazioni terroristiche o di criminalità organizzata, di finanziamenti da paesi dove non c’è libertà religiosa a meno che tale culto non ne sia la vittima, sussistenza di almeno centoventi aderenti in Italia.”

Torna in alto