AFGHANISTAN. MALAN (FI): UNIONE SI SPACCA SU TALEBANI E RAPITI

“Prima, sull’ordine del giorno di Calderoli G2 – che chiede al Governo di impegnarsi a chiedere l’esclusione dei talebani dall’eventuale Conferenza di pace – nonostante il parere favorevole dei relatori e del Governo sette senatori del correntone DS tra cui Cesare Salvi, Rifondazione Comunista, Verdi e Comunisti Italiani non hanno partecipato al voto, mentre otto irriducibili hanno addirittura votato ‘no’ (tra cui Furio Colombo, Oskar Peterlini, Fernando Rossi, Turigliatto, Giannini e Ribaldi).

Poi, su un altro ordine del giorno di Calderoli – il G14, che impegna il Governo a ricercare una strategia comune dei Paesi NATO nella gestione di rapimenti in zona di operazioni, sul quale il ministro D’Alema ha addirittura ringraziato Calderoli per aver presentato il documento – Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani e Verdi hanno votato ‘no’ in blocco insieme ad alcuni colleghi dell’Ulivo, per un totale di 42 senatori: oltre un quarto della coalizione.

Si tratta di argomenti scottanti su cui è certamente grave che parti consistenti della maggioranza votino contro le indicazioni del Governo, rappresentato al massimo livello dal Ministro degli Esteri”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email