CUNEO FISCALE. MALAN (FI): PRODI FA CONTI DA UBRIACO

“I conti fatti da Prodi nel dibattito di lunedì sul cuneo fiscale sono una bufala colossale, un imbroglio. I casi sono due: o il candidato dell’Unione non sa fare i conti più elementari, o è davvero convinto di poter menare per il naso gli Italiani.

L’ex presidente dell’IRI, nel dibattito, ha detto in modo chiarissimo che per quel provvedimento occorrono dieci miliardi, e che il beneficio sarà – per ogni dipendente – di 600 euro all’anno al dipendente stesso e 1200 al datore di lavoro. Purtroppo i dipendenti in Italia sono 16.719.000 (ISTAT), e dunque il costo totale sarebbe non di 10 miliardi, ma di 30 miliardi 94milioni di euro.

Al professore restano tre possibilità. Una è quella di adeguare il numero degli occupati alle sue cifre: mantenere lo stanziamento di 10 miliardi e i 600+1200 euro di beneficio per ogni dipendente e creare oltre 10 milioni di disoccupati – cosa non impossibile visto che vuole agevolare le importazioni dalla Cina e i suoi alleati gli impedirebbero di costruire le infrastrutture per rendere competitivo il Paese. In questo modo i conti tornerebbero. La seconda soluzione è quella di trovare tutti e 30 i miliardi rivedendo ancora le sue posizioni sulla tassa di successione: basterebbe estorcere 51mila euro a ogni persona che decede, inclusi nullatenenti, e il gioco sarebbe fatto. Una terza soluzione starebbe in una piccola tassazione del risparmio. Secondo Eurispes, ogni anno le famiglie risparmiano un totale di 64 miliardi: basterebbe sottrarne poco meno della metà e tutto andrebbe a posto.

Prodi dovrebbe gentilmente fare sapere agli Italiani – che non sono stupidi – quale di queste tre opzioni adotterà. Oppure se a essere ubriaco quella sera era lui”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email