ISRAELE. MALAN (PdL): PREOCCUPANTE CHI DIFENDE GÜNTHER GRASS

“È preoccupante vedere l’ex volontario delle SS Günther Grass difeso da un ministro tedesco e da un autorevole senatore italiano dopo le sue dichiarazioni – sotto forma di presunta poesia – contro gli ebrei e lo Stato di Israele.

Daniel Bahr, ministro della Sanità del Governo che pretende di insegnare all’Europa come si dovrebbe governare e il senatore Roberto Della Seta finiscono per compiere lo stesso errore dell’ex SS e ex pacifista pro Unione Sovietica: davanti a minacce e aggressioni Grass si è sempre schierato dalla parte di chi minaccia e aggredisce, accusando le vittime. Lasciando stare il suo entusiasmo giovanile per le divise naziste, si shierò contro l’Occidente che doveva far fronte all’Urss che suscitava guerre in tutto il mondo e minacciava le sue città con migliaia di testate nucleari, poi pretese che i tedeschi dell’Est continuassero a restare separati con la forza dai loro parenti al di là del muro.

Ora, i benintenzionati Bahr e Della Seta se la prendono con Israele che si è limitato a dichiarare di non gradire visite di un uomo che si è erto a difesa del regime di Teheran che, per distrarre l’opinione pubblica dal disastro economico e dalla feroce repressione contro il dissenso, annuncia ogni giorno di voler annientare lo Stato Ebraico con le bombe atomiche che sta costruendo.

Il signor Günther Grass ha dimostrato così il suo arruolamento nelle SS non era dovuto alla penosa ragione da lui addotta, voltare le spalle ai genitori, ma a una reale condivisione di ideali scellerati. Criticare chi – minacciato dai suoi beniamini – lo condanna è l’ultima cosa ragionevole da fare”.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email