GOVERNO. MALAN (PdL): RIMOZIONE BIANCOFIORE PREPARA NOZZE GAY? E I COSTI?

“Ci si è voluti sbarazzare dell’onorevole Michaela Biancofiore dalle Pari Opportunità per aprire la strada ai matrimoni gay? La domanda sorge spontanea dopo la sua rimozione, comunque incresciosa in quanto manifestazione del pensiero unico indotto dalla dittatura ideologica del politicamente corretto, in base al quale su certi argomenti non è legittimo il dissenso. Ma, poiché la colpa principale attribuita alla neo sottosegretaria sarebbe proprio la sua contrarietà alle nozze tra persone dello stesso sesso, pur essendosi dichiarata favorevole alle unioni civili, c’è davvero da chiedersi se non sia proprio questo l’obiettivo di tutta l’operazione.

Il tema era già stato discusso durante lo scorso Governo Prodi, senza risultati se non quello di evidenziare posizioni estremiste che chiedevano pari diritti con i matrimoni tradizionali, ma senza i doveri relativi. Oggi, però, con la presenza in Parlamento di M5S, sostanzialmente di estrema sinistra, potrebbe esserci una maggioranza sufficiente. Sul tema, peraltro, oltre a tutto le riserve di altro tipo, non è mai stato affrontato l’aspetto dei costi – derivante soprattutto dalle pensioni di reversibilità – che potrebbe arrivare a decine di miliardi, a scapito delle famiglie tradizionali”.

Torna in alto