GIUSTIZIA. MALAN (PdL): TOGATI CSM? ORA SUBITO RIFORMA

“L’iniziativa dei tre consiglieri del CSM è l’ulteriore dimostrazione che quella riforma della Giustizia ‘dalle fondamenta’ di cui ha parlato Berlusconi è davvero urgente e necessaria.

Il Presidente del Consiglio, sulla vicenda di Pescara, si èinfatti limitato a dire che spesso i magistrati hanno agito sulla base di teoremi e non su prove. Ci sono cento vicende che stanno a dimostrarlo: dagli innumerevoli procedimenti contro Berlusconi stesso finiti in assoluzione al caso Tortora, per non parlare dei tanti cittadini meno noti di cui l’opinione pubblica non viene a sapere nulla.

Anziché occuparsi dei magistrati protagonisti di queste penose vicende, Riviezzo, Fresa e Petralia vorrebbero che il CSM si pronunciasse ora contro Berlusconi. Del resto, non mancano le dichiarazioni di questi tre magistrati contro il leader del PdL e contro tutta la sua azione di Governo – a cominciare dall’inquietante ‘Appello per la giustizia’ del 2006 firmato da Fresa e Petralia, dove si accusano le leggi approvate dal Parlamento di aver tolto dignità all’Italia e all’intera classe politica

E’ a causa di queste prese di posizione estremiste che la fiducia dei Cittadini nella giustizia è ai minimi storici”.

Torna in alto