Disegno di legge anticorruzione: il lavoro delle commissione prosegue

Il presidente della commissione Affari Costituzionali, Carlo Vizzini, il presidente della commissione Giustizia, Filippo Berselli, e il relatore del provvedimento, Lucio Malan, proseguono le audizioni di esperti a proposito della lotta alla corruzione e, in particolare, sul disegno di legge del Governo in proposito.

Sono stati sentiti, fra gli altri: Pietro Grasso, procuratore antimafia; Francesco Greco, procuratore aggiunto a Milano; Roberto Alfonso, procuratore a Bologna; Davide Mancini, sostituto procuratore all’Aquila; il generale dei Carabinieri Antonio Girone, direttore della Direzione Investigativa Antimafia; Luca Palamara, presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati e Pasquale de Lise, presidente del Consiglio di Stato.

“Sono incontri molto interessanti – dichiara il senatore Malan – che ci danno utili idee per rendere più efficace il testo. Occorre fare tutto il possibile per combattere la corruzione. Noi possiamo fare la nostra parte con norme più chiare e incisive. Al termine delle audizioni faremo il punto. Da parte mia, ritengo in particolare importante il potenziamento della cosiddetta anagrafe patrimoniale – non solo degli eletti, ma anche di tutti i dipendenti pubblici e parapubblici che si trovino in posizioni dove si possa essere oggetto di corruzione. L’anagrafe già c’è per i parlamentari, ma è poco efficace. Per i dipendenti pubblici, in pratica esiste solo nel testo di una vecchia legge ma nessuno ne ha mai sentito parlare”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email