REFERENDUM. MALAN (FI): GOVERNO SOPPRIME IL DISSENSO CON LA FORZA

“Rispondendo a una mia interrogazione al Senato, il viceministro Bubbico ha sostanzialmente rivendicato la inqualificabile azione compiuta a Prato su ordine del Questore: di danneggiare lo striscione dei giovani di Forza Italia di quella città perché, pur non contenendo frasi offensive ma solo una legittima valutazione politica, poteva creare non meglio specificate turbative all’ordine pubblico al momento dell’arrivo in città di Matteo Renzi, che veniva a propagandare il sì al referendum. Un vero e proprio taglio che ha fatto diventare la scritta ‘Renzi hai fallito’ semplicemente ‘hai fallito’, cancellando anche il nome di Forza Italia. Tale azione è stata definita ‘dialogante’ dal viceministro perché, ha asserito, coloro che l’hanno compiuta hanno cercato di parlare con i responsabili della sede di Forza Italia presso la quale lo striscione era esposto. Peccato che l’azione sia avvenuta nel cuore della notte, quando in una sede politica di sicuro non c’è nessuno. Il viceministro non ha risposto alla mia domanda su quali fossero ormai le espressioni consentite e quali fossero vietate. L’arbitrio è quindi totale, così come l’intimidazione nei confronti di coloro che osano manifestare dissenso.

Ho annunciato che riporterò la vicenda, unitamente alla risposta oggi ricevuta dal Governo, all’OSCE e agli altri organismi internazionali che si occupano della difesa dei diritti umani e della regolarità delle consultazioni elettorali, anche perché il viceministro ha concluso affermando che la vigilanza della Polizia per difendere l’ordine pubblico continuerà. Una vera e propria minaccia e intimidazione”.

renzi_hai-fallito

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email