MEMORIA SHOAH. MALAN (FI): RIMUOVERE IL SOVRINTENDENTE, NON IL VAGONE

“La richiesta del sovrintendente dei Beni culturali di Torino di rimuovere il vagone collocato in Piazza Castello, a ricordo della deportazione degli ebrei, è sconcertante, indice di una concezione inumana della tutela dei beni culturali. A che serve la presunta integrità estetica di una piazza se impedisce di ricordare la pagina più orrenda della Storia italiana? Il vagone non deve essere  rimosso – sorte che, invece, auspico il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, riservi al sovrintendente”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email