NUOVO CODICE APPALTI. MALAN (FI): MA, SULLE AUTOSTRADE, NIENTE GARE

“Anche Forza Italia ha votato il nuovo Codice degli appalti poiché migliora la trasparenza e l’efficienza delle gare. Il problema è che il Governo fa di tutto per evitare le gare per gli appalti più grossi, quelli per le concessioni autostradali. Proprio il Ministro Delrio ha firmato il 14 gennaio un protocollo per affidare senza gara per 30 anni l’autostrada Venezia-Trieste (per un totale di poco meno di 5 miliardi di incassi) a una partecipata dominata dal PD e l’autostrada del Brennero (altri 10 miliardi di incassi) a un’altra partecipata ad egemonia PD e SVP.

L’autostrada Brescia-Padova, con i suoi 340 milioni di incassi all’anno, è gestita da una società privata che, dal 2013, fruisce di varie proroghe che evitano di indire finalmente una gara. Per la Torino-Piacenza, 180 milioni di incassi all’anno, si è già in ritardo per indire la gara, per cui di sicuro l’attuale gestore godrà di una proroga nonostante gli ultimi dieci anni siano stati concessi in cambio del completamento della Asti-Cuneo – tuttora non costruita. Due appalti si sono effettivamente svolti ma grazie a procedure avviate prima del Governo Renzi. Del resto, il Governo Berlusconi indisse fin dal 2011 la gara per il Brennero ma i Governi Letta e Renzi non hanno mosso un dito per portarla a compimento.

Insomma: trasparenza per gli appalti da 50mila euro ma, quando si parla di miliardi, il Governo preferisce regalare le opportunità ad amici e finanziatori”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email