CINA, MALAN (FI): ITALIA ASTENUTA SU HONG KONG, UMILIANTE IGNAVIA

Oggi, al Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU a Ginevra l’Italia si è astenuta sulla mozione presentata dal Regno Unito in difesa dei diritti umani a Hong Kong. La mozione britannica è stata votata, tra i membri UE, da Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Irlanda, Germania, Lettonia, Lituania, Lussenburgo, Paesi Bassi, Slovacchia, Slovenia, Svezia. Astenersi su violazioni così evidenti dei diritti umani, della libertà di manifestare, e di accordi internazionali è una scelta di campo vergognosa. Tra chi manifesta per la libertà e chi li aggredisce e li arresta non ci si può astenere. Tra il regime Partito Comunista Cinese e la libertà il governo italiano ha scelto l’ignavia. In pratica ha deciso di stare con il PCC che si vuole lasciare libero di agire contro la libertà, non più solo in Cina, ma ora anche a Hong Kong, senza disturbarlo neppure con proteste formali. Una umiliante ignavia per l’Italia, la cui Costituzione è fondata sulla libertà.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email