Lo Spiffero: “Autostrade, stop a lobby e cartelli”

Nessun prolungamento delle concessioni, ma il ricorso al mercato è quanto chiede il parlamentare di Forza Italia Lucio Malan che, per condannare senz’appello quello che sarebbe «un ulteriore favore alle società concessionarie», sciorina una sfilza di numeri: «Secondo i dati rilevati nel 2010 dall’Istituto di vigilanza sulle concessioni autostradali, poi soppresso, la manutenzione rappresentava solo il 15% di quanto incassato con i pedaggi. Visto che le infrastrutture previste non sono state realizzate – e cito, tra queste, la Asti-Cuneo, la Pedemontana di Biella, la tangenziale Est di Torino, solo per fare alcuni casi – allora i pedaggi si sarebbero dovuti ridurre dell’80%. Invece sono aumentati».

Malan pone l’accento anche e soprattutto su quella libertà concessa ai Signori delle autostrade di aumentare i pedaggi anche e ben oltre l’aumento dell’inflazione: «Se l’aumento fosse stato in linea con il tasso di inflazione, si sarebbero spesi da parte degli utenti meno di 500 milioni all’anno. Quello riservato ai concessionari è un trattamento di favore inaccettabile e che non può più essere tollerato. Se si fa il conto tra quanto incassano e quanto non hanno fatto in opere infrastrutturali, aggiungendo gli aumenti ingiustificati quando paghiamo 20 euro al casello, in realtà ne dovremmo pagare non più di tre».

Articolo integrale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email