SENATO. MALAN E BOSCETTO: PRESIDENTE FINI EVITI PAROLE IRRISPETTOSE

I senatori Gabriele Boscetto e Lucio Malan replicano al Presidente della Camera, Gianfranco Fini, che oggi ad Asolo, parlando della riforma del bicameralismo perfetto, aveva detto ‘Non entro nelle tecnicalità, ma è evidente la difficoltà di trasferire a noi il modello del Bundestag. È difficile pensare che il Senato voti una riforma che riduce il ruolo dei senatori: sarebbe come chiedere al tacchino di anticipare il Natale’:

“Già una volta, nel corso della XIV legislatura, il Senato della Repubblica ha avuto la responsabilità e la capacità di privarsi della possibilità di esprimere la fiducia al Governo pur di favorire l’emergere di un assetto istituzionale più moderno, per il quale alla seconda Camera fossero riconosciuti prerogative e compiti differenti da quelli svolti dalla Camera dei Deputati. Il precedente non va dimenticato. Anche per questo, alla vigilia dell’apertura in Commissione del dibattito sulle modifiche da apportare alla seconda parte della Carta, sarebbe bene che illustri esponenti dell’altra Camera evitassero espressioni che potrebbero suonare poco rispettose nei confronti dei senatori, così da non complicare ulteriormente un compito già gravoso”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email