Mentre si concedono 56 milioni per sviluppare l’attività italiana nell’area caraibica, a Santo Domingo viene chiusa la più importante Ambasciata italiana della zona

Intervento in Aula nella discussione sulla partecipazione dell’Italia alle Banche multilaterali di sviluppo per l’America Latina e i Caraibi

Signor Presidente,

prendo brevemente la parola su questo provvedimento – sarà poi il senatore Minzolini a spiegare in dichiarazioni di voto la posizione del Gruppo sul provvedimento nel suo insieme – perché, dal momento che esso è finalizzato a una maggiore presenza italiana e a uno sviluppo dell’attività italiana nell’area caraibica, volevo segnalare che, mentre mettiamo questa somma tutt’altro che secondaria considerati i tempi (56 milioni di dollari) per partecipare a un banche per lo sviluppo dell’America latina e dei Caraibi, contemporaneamente chiudiamo la più importante Ambasciata italiana in quell’area, quella della Repubblica Dominicana – Paese in cui vi è un gran numero di residenti, un numero elevato di iscritti all’AIRE e molti altri Italiani non iscritti, oltre a un importante interscambio commerciale.

La chiusura di questa Ambasciata comporta che quella di riferimento diventi l’Ambasciata di Panama, che dista 1.600 chilometri, richiede il pagamento di biglietti aerei di costo rilevante e, inoltre, per coloro che abitano a Santo Domingo, anche il visto. Siamo, quindi, di fronte a un intervento che è davvero in controtendenza.

Credo che la somma necessaria per mantenere aperta l’Ambasciata a Santo Domingo sarebbe molto inferiore a quella che ora stiamo appostando per ricapitalizzare una banca. Peraltro, mentre quello che può fare una banca lo può fare un’altra banca, quello che può fare la nostra presenza di supporto diplomatico in termini di garanzia fattiva non può essere supplito da altri organismi. Chiedo quindi al Governo, anche se non ho formalmente presentato un ordine del giorno avendo avuto contezza di questo provvedimento quando i termini per la presentazione erano scaduti, di tenere conto di questo intervento.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email