Firma e fai firmare per la libertà di tutti

Cara amica, caro amico,

come saprai, Silvio Berlusconi e tutto il Popolo della Libertà sono impegnati al massimo nella raccolta delle firme per i referendum sulla giustizia.

Si tratta di una battaglia di libertà e di giustizia:

1) Abolire la norma che impedisce la maggior parte delle richieste di risarcimento nei confronti dei magistrati che consapevolmente o per grave negligenza causano ingiusti danni ai cittadini.

2) Abolire i meccanismi complicatissimi che rendono di fatto impossibili le richieste di risarcimento nei confronti dei magistrati che consapevolmente o per grave negligenza causano ingiusti danni ai cittadini.

3) Far rientrare nei tribunali i magistrati che sono distaccati altrove a fare altro, di solito con un ulteriore stipendio.

4) Limitare la carcerazione prima del processo ai soli reati gravi, per limitare l’arbitrio di taluni magistrati che oggi lasciano liberi gli stupratori e mettono dentro persone innocenti (ogni anno diecimila persone vengono incarcerate, che poi non saranno condannate).

5) Abolire ufficialmente l’ergastolo, che di fatto già oggi non esiste più, coerentemente con il principio costituzionale per cui la pena mira alla rieducazione del condannato (molti esponenti del PdL non firmeranno questo referendum numero 5).

6) Separare le carriere tra magistrati che conducono l’accusa (procuratori) e magistrati che giudicano, per evitare che i giudici si limitino a ratificare quello che chiedono i procuratori – sia che vogliano la condanna, sia che vogliano il proscioglimento prima del processo o l’assoluzione.

Come si vede, i principi dei referendum 1, 2, 3, 4 e 6 sono sacrosanti, e non recheranno alcun disturbo ai tanti magistrati che compiono il loro dovere con impegno, coscienza e imparzialità. Vi sono anche altri sei referendum che potrai prendere in esame se firmare o meno.

Non possiamo permetterci in nessun modo che questa raccolta fallisca!

Un fallimento verrebbe interpretato dicendo che ai cittadini va bene che i magistrati politicizzati, e quelli che sono intimoriti da questi, decidano le sorti del Paese e di ogni singolo processo senza rendere conto a nessuno, e facendo danni terribili all’Italia – ben al di là del caso di Silvio Berlusconi. Quante aziende scappano dall’Italia, o non ci vengono, perché la giustizia è lentissima, inaffidabile e politicizzata?

Per questo, giovedì 5 settembre, con il Consigliere Provinciale Claudio Bonansea – che, oltre a organizzare con me l’incontro, svolge le indispensabili funzioni di autenticatore delle firme – saremo al Salone dei Cavalieri a Pinerolo, Via Giolitti 6/9 dalle 17,30 alle 20. Per firmare è necessario avere con se un documento d’identità valido (carta d’identità, patente o passaporto, meglio se carta di’identità!). Qualora non potessi firmare quel giorno, è possibile firmare, ma solo entro venerdì 6 settembre, presso il tuo Comune di residenza. Se scegli questa possibilità, ti preghiamo di segnalarcelo per poter avere un quadro della situazione e controllare l’avvenuto invio delle firme da parte del Comune.

Firma e fai firmare per la libertà di tutti!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email